Famýie: nint'addre che fame e fatýie

(ovvero: non basta la GENETICA, occorre anche la MEMETICA)

Copyright ę 38 Danilo D'Antonio - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata




Testo in dialetto abruzzese da cantarsi accompagnandosi con un organetto diatonico (ddu bbotte).
In lingua italiana con qualsivoglia altro stile e strumento. Ecco il testo in mp3




Care l'amich' mŔ
i te l'aveve dette,
ný fa tutt' ssý fiie,
ný fa, ný fa, ný fa!

Tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie,
tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie!


    Quande dumane matine
    tu t'insicche a fatiiÓ,
    i me ne vache ballenne,
    i me ne vache cantenne.

    Te putive divertý
    senza tante ý penenne,
    n'ci raggiunate penninte
    e m˛ te dÓ dannÓ.

I te l'aveve dette,
ný fa tutt' ssý fiie,
ný fa, ný fa, ný fa!
ný fa, ný fa, ný fa!

Tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie,
tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie!


    I vulute fa li fiie
    pe' mpo' di cumpagnie
    e m˛ nný vide maie,
    stý sempre a fatiiÓ.

    I vulute fa li fiie
    pe' pagatte na pensione,
    quanne t'avasteve
    n'assicurazione.

    I vulute fa li fiie
    pe' esse uguale all'iddri
    e m˛ te sinte nu fesse
    come tutti chill'iddri.

I te l'aveve dette,
ný fa tutt' ssý fiie,
ný fa, ný fa, ný fa!
ný fa, ný fa, ný fa!

Tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie,
tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie!


    I vulute st'a sentý
    a chi ti diceve falle,
    'nci fatte mai case
    che isce (li pridde) n'aveve fatte!

    I vulute st'a sentý
    a chi ti diceve falle,
    peccÓ ie servave (a li riccune)
    ddu vracce a quattre solde.

    I vulute st'a sentý
    a chi ti diceve falle,
    peccÓ ie servave (a lu state)
    'na frache de suldate.

I te l'aveve dette,
ný fa tutt' ssý fiie,
ný fa, ný fa, ný fa!
ný fa, ný fa, ný fa!

Tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie,
tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie!


    Com'i fatte a nen capý ch' famýie
    Ŕ fatte de fame e fatýie!

    Fiiennete, i diventate nu schiave,
    mentr'i so libbere come n'astronave!


    E ný manche pensate
    c'a la fine li fiia tu
    sarÓ chi¨ li mý
    che li tu.

    Quanne tu vý a fatiiÓ,
    a creÓ addre 'nquinamente,
    i me ne vache mezz'a li fratte
    a cuvÓ li bell'idee.

    Tu c'ý messe la genetica,
    ma iý ce mette la memetica.
    Tu ie pisse da magnÓ
    ma s˛ ý ch' ie dinche da pensÓ!

Care l'amich' mŔ
i te l'aveve dette,
ný fa tutt' ssý fiie,
ný fa, ný fa, ný fa!

Tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie,
tu li vulute fa
e m˛ fatý-fatýie!
Caro l'amico mio
io te l'avevo detto,
non farli tutti 'sti figli,
non farli, non farli, non farli!

Tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!
tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!


    Quando domani mattina
    ti rinchiudi al lavoro
    io me ne andr˛ ballando,
    io me ne andr˛ cantando.

    Ti potevi divertire
    senza andar tanto penando
    non c'hai ragionato per nulla
    ed ora ti devi dannare.

Io te l'avevo detto,
non farli tutti 'sti figli,
non farli, non farli, non farli!
non farli, non farli, non farli!

Tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!
tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!


    Hai voluto fare figli
    p'avere un po' di compagnia
    ed ora non li vedi mai,
    stai sempre a faticare.

    Hai voluto fare figli
    per avere una pensione,
    quando ti sarebbe bastata
    un'assicurazione.

    Hai voluto fare figli
    per esser eguale agli altri,
    ed ora ti senti un fesso
    come tutti quegli altri.

Io te l'avevo detto,
non farli tutti 'sti figli,
non farli, non farli, non farli!
non farli, non farli, non farli!

Tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!
tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!


    Hai voluto dar ascolto
    a chi ti diceva di farli,
    non c'hai mai fatto caso
    che loro (i preti) non ne avevan fatti.

    Hai voluto dar ascolto
    a chi ti diceva di farli,
    perchÚ servivan loro (ai ricconi)
    due braccia a quattro soldi.

    Hai voluto dar ascolto
    a chi ti diceva di farli,
    perchÚ servivan loro (allo stato)
    un esercito di soldati.

Io te l'avevo detto,
non farli tutti 'sti figli,
non farli, non farli, non farli!
non farli, non farli, non farli!

Tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!
tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!


    Come hai fatto a non capire che famiglia
    Ŕ fatta soprattutto di fame e fatica?

    Figliando sei diventato uno schiavo
    mentre io sono libero come un'astronave.


    E non hai nemmeno pensato
    che alla fine i tuoi figli
    saranno pi¨ miei
    che tuoi.

    Quando tu vai a faticare,
    a creare altro inquinamento,
    io me ne vado per selve e per boschi
    a pensar tante belle cose.

    Tu ti sei riprodotto geneticamente,
    mentre io mi riproduco memeticamente.
    Tu passi loro da mangiare
    ma son io che gli d˛ da pensare!

Caro l'amico mio
io te l'avevo detto,
non farli tutti 'sti figli,
non farli, non farli, non farli!

Tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!
tu li hai voluti fare
ed ora fatica, fatica!









note:

- le parole tra parentesi sono in controcanto;

- memetica: "un meme Ŕ un'unitÓ auto-propagantesi di evoluzione culturale, analoga a ci˛ che il gene Ŕ per la genetica", tratto da http://it.wikipedia.org/wiki/Memetica.


NF_V0.9/02-07-38





N O V A R E P R O D U C T I O



DIPARTIMENTO per il GIUSTO MUTAMENTO
Copyright ę Laboratorio Eudemonia. Tutti i diritti riservati
Sito Web attivo dal 30 - Webworks by HyperLinker.com