Democrazia = Reciprocità > Felicità



Copyright © 46/01/14 Danilo D'Antonio - Some rights granted



Il METODO TIRANNICO (purtroppo tradizionalmente diffuso ovunque in varia gradazione) di gestire una società passa attravero la DIVISIONE in CASTE. Tra queste spiccano:
    1) la CASTA dei CARRIERISTI PUBBLICI (assunti a vita nei pubblici impieghi o precari aspiranti tali o mercenari disposti a tutto) i quali s'incaricano, con la minaccia e (se secondo loro serve) con l'uso delle armi, di far rispettare leggi propriamente commissionate, o comunque sempre deviate, da celati e non dovuti interessi di parte.

    2) la CASTA delle PERSONE COMUNI escluse dagli impieghi/incarichi/poteri/ruoli/redditi/spazi pubblici perfino dalle stesse associazioni, che si presentano come umili intermediari ma che in realtà, direttamente od indirittamente, sono in mano, anche nei casi più insospettabili, a cricche, elite, lobby e mafie di varia natura e peso.
Il METODO TIRANNICO ricorre alla pratica della "politica", sarebbe a dire dell'addomesticamento della popolazione attraverso l'inculcamento continuo (della prima casta sull'altra) fin dalla più tenera età, in modo che si possa poi far d'essa ciò che si vuole in sede elettorale, giocando su pulsioni apparentemente dirette al bene (ad esempio ora van di moda ambiente e sicurezza) ma usate con fini reconditi. Proprio nel ricorso al METODO TIRANNICO il ruolo della casta dei carrieristi pubblici alla priebke risulta fondamentale sia nell'addomesticamento che nella repressione. Il METODO DEMOCRATICO non fa invece ricorso al condizionamento e dominio della "politica".


Il METODO DEMOCRATICO di gestire una società passa attravero la CONDIVISIONE e PARTECIPAZIONE delle persone comuni (opportunamente preparate ed in ogni caso sempre aventi le capacità, competenze ed esperienze atte al ruolo) agli incarichi del pubblico impiego, sarebbe a dire dei fondamentali quindi risolutivi IMPIEGHI e POTERI PUBBLICI.

Le persone comuni, non più sudditi emarginati, estraniai dai processi dello Stato bensì cittadini realizzati, parti costituenti dello Stato, possono, evoluti snowden, conoscerne a fondo personalmente i meccanismi, automaticamente autoresponsabilizzandosi nella gestione di quella che sanno essere una COMPROPRIETÀ, un bene comune, una Res Publica, di cui tutti infatti beneficiano realmente e quindi custodiscono attivamente. Le cabine elettorali non servono più, venendo usato il più concreto e sicuro metodo di far ascendere ai poteri di governo coloro che si sono distinti sul campo durante la loro prestazione come pubblici servitori durante un temporaneo mandato.


LICENZIARE PERIODICAMENTE ogni pubblico dipendente (sarebbe a dire chiunque acceda ad un potere/ruolo pubblico) non è una opzione od una velleità: trattasi invece del fondamento stesso della democrazia, una PRATICA CIVILE e PACIFICA che permette di evitare che, dopo un periodo di tempo più o meno lungo, si debba impugnare le armi per cacciare via un gran tiranno ed i suoi piccoli tirannucci che, fattisi uno e separatisi dalla popolazione, vogliono rimanere per sempre al potere. Costi quel che costi.

In tanti, avendo semplicemente imparato a leggere ed a scrivere, iniziano a far "politica", pensando magari di far del bene alla società, di fatto giocando a quello ch'è invece sempre uno SPORCO GIOCO, visto che sempre è basato sull'imposizione di alcuni su altri e mai sulla RECIPROCITÀ data da apertura e condivisione dei pubblici poteri.

Perché si faccia un salto evolutivo, è fondamentale che un gran numero di persone prenda coscienza della propria perdurante SUDDITANZA ad un sistema pubblico e statale rimasto come ai tempi del fascismo e decida di conseguenza di aver subìto ingiustizie, prepotenze, soperchierie, soprusi, vessazioni a sufficienza per l'eternità.

Sarebbe dunque ora che ai numerosi MEMBRI delle ASSOCIAZIONI crescesse una testa pensante, così da aiutar altri a capire ciò che ancora tanto sfugge quanto importa. Così come sarebbe ora che quegli "IDIOTS SAVANTS" che sono gli scienziati rinsavissero. Smettetela di catapultarvi nel macro e microcosmo e tornate coi piedi in Terra a dire qualcosa di utile ed essenziale che possa far evolvere l'umana società. Per mettere in pari il terribile regresso politico/sociale col progresso industrial/tecnologico.


Italia, Europa, Terra: ovunque si vive la stessa tragedia. Senza recuperare almeno alcune tra le tante conoscenze e consapevolezze dalle quali siamo stati tenuti lontano da un esercito di dotti, emeriti, esperti, illustri, magnifici, sapienti carrieristi pubblici (al solo meschino scopo che il "loro" posto fisso e la loro carriera non venissero nemmeno sfiorati dall'IMPERMANENZA) l'Italia, l'Europa ed il Pianeta rimarranno luoghi senza speranza. Appena LICENZIATILI, rifioriranno come a Primavera!










A R M O N I C A R O T A Z I O N E S O C I A L E
Copyright & ServiceMark Laboratorio Eudemonia. Alcuni diritti concessi
Sito Web attivo fin dal 29 - WebWorks by HyperLinker