¡¿ Piraten o Peracottaren ?!



Copyright © 11/06/44 Danilo D'Antonio - Alcuni diritti concessi




Oramai è moda seguita ovunque quella di fregiarsi di concetti dei quali nemmeno si conosce il senso. Le parole vengono usate per atteggiarsi a ciò che evidentemente non si è e (quel ch'è peggio) nemmeno si vuol essere. Non si tratta soltanto di un abuso verbale ma di un atto malefico che ha per grave conseguenza quella di privare la cultura, la mente, la psiche dell'essere umano del potere contenuto in quelle poche benefiche sillabe.

Pensiamo agli "antifascisti", che manco s'accorgono che l'Impiego Pubblico è ancora di pretto stampo fascista. Pensiamo ai "comunisti", che non si rendono conto che i pubblici impieghi sono un bene comune da condividere. Pensiamo ai "democratici", che non conoscono i due principi della democrazia (*) senza i quali essa non sussiste. Pensiamo ai "laici", che, invece di divulgare il senso proprio della parola, s'appoggiano al ridotto significato affibbiatole dai preti, una menomazione che ha privato il termine del suo pregno significato originario (**).

E lo stesso meccanismo pare afferri i "pirati". I Pirati erano gente disposta a tutto, coraggiosa ed incurante della vita, che si tuffava a capofitto nelle battaglie più sanguinose, esseri sfrenati a caccia di incredibili tesori, in eterna contrapposizione con una civiltà (che li rifiutava e non lasciava loro spazio) ricolma di usi incivili ... ed ora ti trovi di fronte dei placidi peracottari, gente omologata, sudditi diligentissimi, che ripetono un intero perineo di inutilità appreso da "alternative" regolarmente pilotate verso l'inconcludenza.


Ecco un esempio recente di questa sfrenata "pirateria":

UNITED STATES PIRATE PARTY CONDEMNS GOVERNMENT SPYING;
DEMANDS NSA DELIVER TRANSPARENCY, PHONE RECORDS
http://uspirates.org/uspp-condemns-spying/


I "pirati" chiedono la "trasparenza"! Non si rendono conto che la "trasparenza" è trucco escogitato dai PREDATORI della RES PUBLICA allo scopo di mantenere il posto finto-pubblico fisso avuto dai monarchi e tiranni del passato.

"Guardate, noi vi facciamo vedere tutto, vi mostriamo, vi rendicontiamo tutto", assicurano i PREDATORI della RES PUBLICA ai gonzi. "Purché non ci cacciate da qui ..." pensano tra loro "... purché rimaniate fuori dai piedi".

I "pirati", invece di reclamare un Pubblico Impiego Democratico, partecipato dai cittadini a tempo determinato, rispondono al controllo dei PREDATORI della RES PUBLICA con un altro controllo, accettando l'esclusione.

La "trasparenza", il mantenere i cittadini al di fuori della loro stessa Res Publica, estraniati dallo Stato, estromessi dai pubblici incarichi, è una forma di segregazione dal potere culturale, economico e politico.



Essa è una spessa parete di cristallo,
forma una gabbia spaziosa ma invalicabile,
che s'atteggia a democrazia al fine d'impedirla.



Fatto è ch'è tempo di smettere di fingere, di spacciarsi per quel che non si è. E' tempo di tornare ad essere veraci, genuini, quindi efficaci. Il mondo ha urgenze spaventose per risolvere le quali occorre grande onestà.

Infrangiamo il vetro della "trasparenza", esigiamo una partecipazione concreta (e retribuita) a tempo determinato nei Pubblici Uffici e la Democrazia, quella vera, non la bufala cui ci hanno relegato i PREDATORI della RES PUBLICA, gli assunti a vita nel finto-pubblico, diverrà realtà.

Prendiamo coscienza che c'è un sacco di strada da riguadagnare. Cinquant'anni fa noi umani avevamo prodotto una cultura oggi dimenticata, non più conosciuta da chi è sopraggiunto dopo, avevamo raggiunto una evoluzione ch'è poi scomparsa a causa di un fitto associazionismo, di aggregazioni di vario tipo che hanno catturato gli individui ed hanno distrutto la loro originalità trasformandoli in marionette, in membri inetti e mansueti.


Ammettere un torto, accettare la realtà, è un punto di partenza inevitabile per modificarla con successo. Armiamoci dunque di onestà e pazienza ed impegnamoci a divenire ciò cui ci atteggiamo aiutandoci l'un l'altro.




I due principi della Democrazia

Laicità: siamo sicuri di sapere cos'è?




A R M O N I C A R O T A Z I O N E S O C I A L E
Copyright & ServiceMark Laboratorio Eudemonia. Alcuni diritti concessi
Sito Web attivo fin dal 29 - WebWorks by HyperLinker