Fazioni ed opinioni



Copyright © 27/04/44 Danilo D'Antonio - Alcuni diritti concessi




La vita ha sempre, pur con tutti gli scienziati che si vogliano allevare, un inestinguibile grado di aleatorietà. Il ricorso alla maggioranza dovrebbe appunto permettere di recepire le sensibilità dei più per offrire alla società maggiori probabilità di successo. Senonché, al posto di un modello di maggioranza esprimente disinteressate OPINIONI, si sono affermate maggioranze che esprimono la volontà delle FAZIONI.

Consultazioni sottomesse a volontà di parte conducono la società verso la fine propria e delle fazioni stesse. A causare questo immane guaio non sono però i tanti settarismi che prendono piede in una società mal organizzata. I veri responsabili sono quei portatori di sciagura che hanno usato la parola LAICITA' accettando passivamente il ristretto significato cui l'hanno ridotta, nei secoli e millenni, le istituzioni superstiziose.



"La parola [laico] è originata dal greco Laikòs - del popolo, estensione del termine laós - popolo e contraddistingueva l'appartenente alla moltitudine degli uomini in contrapposizione agli appartenenti a una comunità chiusa." narra Wikipedia, aggiungendo: "Il termine fu poi usato in ambito religioso per indicare colui che, appartenente alla moltitudine dei fedeli, non è appartenente alla gerarchia del suo clero, la comunità chiusa".



I laici a scartamento ridotto, che si sono avvicendati nel tempo, non hanno avuto l'energia intellettuale o la forza mediatica per conservare il senso originario della parola LAICITA'. L'umanità si è così trovata sprovvista proprio di quella parola, di quel concetto, di quell'antidoto in grado di tenere a bada le ingerenze delle varie comunità chiuse, caste, elite e mafie. Non chiarendo più la parola LAICITA' che gli appartenenti ad una comunità chiusa si trovano in conflitto d'interesse quando si tratta di prendere decisioni che li riguardano, ci troviamo oggi immersi in un sistema politico che fa della faziosità il suo punto di partenza e vanto per gonzi e torbidi.


Scrigni ricolmi di tesori culturali sono nascosti nella nostra Storia di umani che ancora si ergono solo in radi momenti. Ad impedire che l'attenzione collettiva si posi su di essi, a far dimenticare agli umani quali grandi esseri sono, provvedono quegli altri sciagurati che, impossessatisi a vita di ruoli educativi e di ricerca (ruoli "pubblici": finanziati dalla Collettività e di proprietà di questa) impediscono quel periodico rinnovo che solo può garantire sia una buona interpretazione della Storia sia un felice indirizzo e propellente per il Futuro.


Basta con l'accaparramento a vita dei pubblici impieghi: ogni ruolo pubblico va partecipato a tempo determinato. Oramai siete circondati dalle evidenze. Restituite spontaneamente al popolo italiano ciò che ad esso appartiene.




Laicità: siamo sicuri di sapere cos'è?

La laicità della Repubblica




A R M O N I C A R O T A Z I O N E S O C I A L E
Copyright & ServiceMark Laboratorio Eudemonia. Alcuni diritti concessi
Sito Web attivo fin dal 29 - WebWorks by HyperLinker